I migliori exchange crypto del 2023: la top 5

Esistono centinaia di siti dove poter comprare criptovalute, ma non tutti sono uguali, anzi. Per questo abbiamo redatto la nostra guida sui migliori exchange crypto del 2023.

Li abbiamo messi a confronto per licenze, numero di utenti, criptovalute supportate, metodi di pagamento accettati, costi di commissione e molto altro.

Ecco la nostra top 5.

Filtrare i risultati:
Criptovalute
0x 1inch Network Aave Algorand Amp Apecoin Aragon Audius Avalanche Axie Infinity Basic Attention Token Bitcoin Bitcoin Cash BNB Cardano Cartesi Celsius Chainlink Chiliz Compound Convex Finance Cosmos Cronos Curve DAO Token Dai DAO Maker Decentraland Dogecoin dYdX eCash Elrond Enjin Coin EOS Ethereum Ethereum Classic Ethereum Name Service Euro Coin Fantom Fetch.ai Filecoin Flow FTX FTX Token Gala Gemini Dollar Hedera Helium Huobi Token Immutable X Injective Internet Computer IOTA Klaytn Kyber Network Crystal v2 Lido Staked Ether Litecoin Loopring Maker Maple Monero NEAR Protocol NEO Nexo OMG Network Pax Dollar PAX Gold Perpetual Protocol Polkadot Polygon Quant Radicle Rally Render Token Shiba Inu SKALE Network Smooth Love Potion Solana Stellar Storj SushiSwap SXP Synthetix Tezos The Graph The Sandbox Theta Network THORChain Tron UMA Uniswap USD Coin VeChain Waves Wrapped Bitcoin XRP yearn.finance Zcash
Metodi di pagamento
Apple Pay Google Pay Mastercard Postepay SEPA Visa
# 1
Binance Logo Binance
Valutazione
91% 12 / 2022 Eccellente Cryptofacili.com
Vai a Binance
Criptovalute: 52+
Logo Aave Logo Algorand Logo Apecoin Logo Avalanche Logo Axie Infinity Logo Basic Attention Token Logo Bitcoin Logo Bitcoin Cash Logo BNB ADA Cardano logo Logo Chainlink Logo Cosmos Logo Curve DAO Token Logo Decentraland Logo Dogecoin Logo eCash Logo Elrond Logo EOS Logo Ethereum Logo Ethereum Classic Logo Fantom Logo Filecoin Flow Logo FTX Logo Hedera Logo Helium Logo Internet Computer Logo IOTA Logo Klaytn Logo Litecoin Logo Maker Logo Monero Logo NEAR Logo NEO Logo PAX Gold Polkadot Logo Logo Poligon Logo Quant Logo Shiba Inu Logo Solana Logo Stellar Logo Tezos Logo The Graph Logo The Sandbox Logo Theta Network Logo THORChain Logo Tron Logo Uniswap Logo VeChain Logo Waves Logo XRP Logo Zcash
Metodi di pagamento: 5+
Logo Mastercard Logo Postepay Logo Sepa Logo Visa Logo Apple Pay
Valutazione
91% 12 / 2022 Eccellente Cryptofacili.com
Vai a Binance
Deposito minimo
2 €
Margine massimo
Costi di commissione
0-2%
Sicurezza
Costi di commissione
Usabilità
Monete fisiche
Puoi fare trading di criptovalute con questo provider.
# 2
Kraken logo Kraken
Valutazione
83% 12 / 2022 Buono Cryptofacili.com
Vai a Kraken
Criptovalute: 45+
Logo Aave Logo Algorand Logo Apecoin Logo Avalanche Logo Axie Infinity Logo Basic Attention Token Logo Bitcoin Logo Bitcoin Cash Logo BNB ADA Cardano logo Logo Chainlink Logo Cosmos Logo Curve DAO Token Logo Decentraland Logo Dogecoin Logo Elrond Logo EOS Logo Ethereum Logo Ethereum Classic Logo Fantom Logo Filecoin Flow Logo FTX Logo Internet Computer Logo Litecoin Logo Maker Logo Monero Logo NEAR Logo PAX Gold Polkadot Logo Logo Poligon Logo Quant Logo Shiba Inu Logo Solana Logo Stellar Logo Tezos Logo The Graph Logo The Sandbox Logo THORChain Logo Tron Logo Uniswap Logo VeChain Logo Waves Logo XRP Logo Zcash
Metodi di pagamento: 4+
Logo Mastercard Logo Postepay Logo Sepa Logo Visa
Valutazione
83% 12 / 2022 Buono Cryptofacili.com
Vai a Kraken
Deposito minimo
1 €
Margine massimo
Costi di commissione
0-3,75%
Sicurezza
Costi di commissione
Usabilità
Monete fisiche
Puoi fare trading di criptovalute con questo provider.
# 3
Crypto.com Logo Crypto.com
Valutazione
73% 01 / 2023 Soddisfacente Cryptofacili.com
Vai a Crypto.com
Criptovalute: 49+
Logo Aave Logo Algorand Logo Apecoin Logo Avalanche Logo Axie Infinity Logo Basic Attention Token Logo Bitcoin Logo Bitcoin Cash Logo BNB ADA Cardano logo Logo Chainlink Logo Cosmos Logo Cronos Logo Curve DAO Token Logo Decentraland Logo Dogecoin Logo Elrond Logo EOS Logo Ethereum Logo Ethereum Classic Logo Fantom Logo Filecoin Flow Logo FTX Logo Hedera Logo Helium Logo Internet Computer Logo Klaytn Logo Litecoin Logo Maker Logo NEAR Logo NEO Logo PAX Gold Polkadot Logo Logo Poligon Logo Quant Logo Shiba Inu Logo Solana Logo Stellar Logo Tezos Logo The Graph Logo The Sandbox Logo Theta Network Logo THORChain Logo Tron Logo Uniswap Logo VeChain Logo Waves Logo XRP
Metodi di pagamento: 5+
Logo Mastercard Logo Postepay Logo Sepa Logo Visa Logo Apple Pay
Valutazione
73% 01 / 2023 Soddisfacente Cryptofacili.com
Vai a Crypto.com
Deposito minimo
1 €
Margine massimo
Costi di commissione
0-2,99%
Sicurezza
Costi di commissione
Usabilità
Monete fisiche
Puoi fare trading di criptovalute con questo provider.
# 4
Bitstamp logo Bitstamp
Valutazione
71% 12 / 2022 Soddisfacente Cryptofacili.com
Vai a Bitstamp
Criptovalute: 70+
Logo Bitcoin Logo Ethereum Logo Solana ADA Cardano logo Logo XRP Polkadot Logo Logo Avalanche Logo Shiba Inu Logo Uniswap Logo Litecoin Logo Chainlink Logo Poligon Logo NEAR Logo Stellar Logo Bitcoin Cash Logo Apecoin Logo Aave Logo Axie Infinity Logo Algorand Logo Fantom Logo Decentraland Logo Hedera Logo Basic Attention Token Logo The Graph Logo Curve DAO Token Logo The Sandbox Logo Dogecoin
Metodi di pagamento: 6+
Logo Apple Pay Google Pay Logo Mastercard Logo Postepay Logo Sepa Logo Visa
Valutazione
71% 12 / 2022 Soddisfacente Cryptofacili.com
Vai a Bitstamp
Deposito minimo
25 €
Margine massimo
Costi di commissione
0-15%
Sicurezza
Costi di commissione
Usabilità
Monete fisiche
Puoi fare trading di criptovalute con questo provider.
# 5
Coinbase Logo Coinbase
Valutazione
70% 12 / 2022 Soddisfacente Cryptofacili.com
Vai a Coinbase
Criptovalute: 37+
Logo Aave Logo Algorand Logo Apecoin Logo Avalanche Logo Axie Infinity Logo Basic Attention Token Logo Bitcoin Logo Bitcoin Cash ADA Cardano logo Logo Chainlink Logo Cosmos Logo Cronos Logo Curve DAO Token Logo Decentraland Logo Dogecoin Logo eCash Logo EOS Logo Ethereum Logo Ethereum Classic Logo Filecoin Flow Logo Huobi Token Logo Internet Computer Logo Litecoin Logo Maker Polkadot Logo Logo Poligon Logo Quant Logo Shiba Inu Logo Solana Logo Stellar Logo Tezos Logo The Graph Logo The Sandbox Logo Tron Logo Uniswap Logo Zcash
Metodi di pagamento: 4+
Logo Mastercard Logo Postepay Logo Sepa Logo Visa
Valutazione
70% 12 / 2022 Soddisfacente Cryptofacili.com
Vai a Coinbase
Deposito minimo
-
Margine massimo
Costi di commissione
0-4%
Sicurezza
Costi di commissione
Usabilità
Monete fisiche
Puoi fare trading di criptovalute con questo provider.
Exchange crypto a confronto Scegli fino a tre exchange
Scegliere lo scambio
Logo Binance
logo Kraken
Logo Crypto.com
logo Bitstamp
Logo Coinbase
Il tuo confronto

Cos’è un exchange crypto

Prima di entrare nel dettaglio, facciamo un passo indietro e spieghiamo cosa sono gli exchange crypto e in cosa differiscono da altre piattaforme per comprare criptovalute.

Gli exchange crypto, o crypto exchange, o exchange di criptovalute, o scambi per criptovalute, sono delle piattaforme che permettono di comprare e vendere criptovalute. Non solo.

Ciascuna piattaforma si è raffinata ed evoluta nel tempo, aggiungendo alla compravendita anche altri servizi quali ad esempio la custodia delle criptovalute, o sistemi per guadagnare degli extra, come lo staking (cioè il deposito di criptovalute in cambio di una rendita).

Gli exchange dovrebbero permetterti anche di trasferire criptovalute al di fuori della piattaforma, in wallet di tua proprietà, ad altri utenti, o ad esercenti, per essere usate come mezzo di pagamento per beni e servizi.

Exchange centralizzati vs exchange decentralizzati

Gli exchange di criptovalute possono essere di due tipi:

  • Centralizzati,
  • Decentralizzati.

Gli exchange crypto centralizzati permettono solitamente di scambiare criptovalute con moneta fiat, o di scambiare crypto con altre crypto.

Si caratterizzano per una gestione centralizzata appunto, che fa in modo che ci sia un’azienda, che si assicuri del buon funzionamento della piattaforma, garantendo anche assistenza.

Solitamente gli exchange centralizzati hanno un team trasparente e chiedono all’utente di iscriversi tramite KYC, acronimo che sta per know your customer. Si tratta di quella procedura per cui al momento dell’iscrizione, ti vengono chiesti dati anagrafici, documenti di identità e un selfie.

Per operare, l’utente paga solitamente dei costi di commissione alla piattaforma. Per fare depositi, vengono utilizzati conto corrente bancario o carta di credito, che all’occorrenza diventano anche le destinazioni dei prelievi.

Gli exchange decentralizzati invece non hanno un’autorità centrale che ne controlla il funzionamento e li supervisiona. Sono dei protocolli blockchain che consentono lo scambio tra criptovalute (swap), escludendo dunque la moneta fiat.

Non richiedono KYC all’utente, in quanto permettono la connessione alla piattaforma direttamente tramite wallet.

Sono considerati meno sicuri, non a caso in passato diverse di queste piattaforme hanno subito ingenti attacchi hacker.

Differenze tra exchange crypto, broker e piattaforme P2P

Oltre agli exchange crypto, puoi comprare criptovalute anche tramite broker e piattaforme P2P.

I broker sono tipici della finanza tradizionale e offrono il trading di criptovalute sotto forma di contratti derivati CFD. Su queste piattaforme molto spesso puoi fare anche trading azionario. Sono indicati per chi è più abile con la finanza, vuole speculare sui prezzi o progetta di investire grosse somme di denaro.

Vuoi provare i broker?

Gli exchange P2P invece sono delle piattaforme che permettono a utenti privati di incontrarsi e fare compravendita di criptovaluta tra di loro. Sebbene la trattativa sia tra privati, la piattaforma fa da intermediario e garantisce la sicurezza della transazione.

Il vantaggio di queste piattaforme è che tutelano la privacy dell’utente: chiedono un minimo di dati anagrafici, ma consentono poi di operare tramite un nickname.

I migliori exchange di criptovalute: la top 5

Ecco nel dettaglio quelli che sono, a nostro avviso, i migliori exchange di criptovalute.

Per ognuno di loro ti spieghiamo perché dovresti usarlo. E perché no.

Non esiste il miglior exchange crypto in assoluto. Esiste quello che si adatta meglio alle tue esigenze.

#1 Binance

Nella classifica dei migliori exchange crypto, Binance si posiziona come n.1 al mondo. Si tratta di una piattaforma completa, che si adatta ai principianti ma che può essere usata anche dai professionisti.

Con Binance gli amanti del settore crypto non solo troveranno centinaia di criptovalute e di coppie di scambio, ma possono andare ben oltre il semplice trading: puoi fare staking, partecipare a mining pool di Bitcoin, puoi persino fare margin trading, o finanziare le parachain di Polkadot.

Insomma, Binance è un vero e proprio ecosistema, completo e pieno di funzioni.

Oltre a ciò, Binance è considerato il migliore exchange crypto per le commissioni, molto contenute.

Binance, inoltre, dispone di una carta prepagata, la Binance Card.

Il suo punto di debolezza è che la piattaforma è talmente completa da generare confusione soprattutto nei principianti.

L’alternativa è Binance Lite, la versione per beginner dell’app mobile, con poche e semplici funzioni.

Se vuoi saperne di più su come funziona questa piattaforma, leggi la nostra recensione di Binance.

#2 Kraken

Kraken è un exchange tra i più “anziani” del settore.

Nato nel 2011 negli Stati Uniti, è un po’ l’opposto di Binance: poche funzioni in un’interfaccia però decisamente intuitiva. 

Si adatta bene ai principianti, ma anche ai professionisti che possono fare trading utilizzando la funzione Kraken Pro. 

Permette di guadagnare profitti extra tramite lo staking, e consente di fare trading con margine con una leva fino a 5x.

Ultimamente si è lanciato nel settore degli NFT, con un apposito marketplace.

Per saperne di più, puoi leggere la nostra recensione su Kraken.

#3 Crypto.com

Questo exchange è l’ideale per chi ha intenzione di fare trading senza staccarsi dal cellulare.

Crypto.com nasce come app, mentre la versione desktop è una realtà separata, indicata per i più esperti, tanto che ha un wallet diverso.

Crypto.com si presenta come una piattaforma facilissima da usare.

L’app è “pulita”, con le funzioni essenziali per fare trading e anche per guadagnare qualche extra tramite le sezioni Earn e Supercharger.

Ma il vero punto di forza di Crypto.com è la carta per spendere le criptovalute: è una prepagata che può essere ricaricata o tramite il saldo crypto, o anche via carta di credito.

Inserendo nel saldo le criptovalute, queste vengono convertite istantaneamente al momento del pagamento.

È una comune carta Visa: per cui dove è accettata Visa, è possibile pagare con la carta di Crypto.com.

Anche le commissioni sono decisamente competitive.

Di contro, il prelievo sia di criptovalute sia di moneta fiat può essere estremamente lento, per motivi di sicurezza.

Per maggiori dettagli, ti rimandiamo alla versione completa della nostra recensione di Crypto.com.

#4 Bitstamp

Bitstamp è uno degli exchange crypto europei più longevo.

Nato nel 2011 in Lussemburgo, si presentava come l’alternativa europea a MT. Gox, all’epoca la piattaforma crypto più popolare (poi fallita).

Come Kraken, nonostante l’età non spicca per servizi offerti: si limita al trading crypto, allo staking di poche criptovalute, e alla piattaforma Pro, per trader professionisti.

Però ha un’interfaccia facile da usare e costi di commissione competitivi.

Puoi scoprire di più nella nostra recensione su Bitstamp.

#5 Coinbase

Coinbase è uno dei primi exchange nati nel settore crypto. Ad oggi ne ha fatta di strada, tanto da essere un’azienda quotata al Nasdaq.

Coinbase si presenta come una piattaforma molto facile da usare, sia nella versione desktop che via app.

È un exchange molto sicuro, tanto che nella sua decennale storia non si registrano incidenti o attacchi hacker.

Risulta però caro per i costi di commissione applicati.

Inoltre, da qualche tempo ha aperto al listing di nuove criptovalute, mentre fino a pochi mesi fa era “conservativo” e permetteva il trading di poche crypto.

Questo fa in modo che tuttora l’offerta crypto di Coinbase risulti limitata rispetto alla concorrenza.

Se vuoi scoprire tutto su questo exchange, puoi approfondire leggendo la nostra recensione su Coinbase.

Coinbase

Migliori exchange crypto italiani

Fino ad ora ti abbiamo citato exchange asiatici, europei o made in USA.

Ma anche l’Italia, sebbene non possa dirsi all’avanguardia rispetto all’uso e alla comprensione delle criptovalute, vanta almeno un paio di piattaforme crypto che vale la pena esaminare.

#1 The Rock Trading

Questo exchange di criptovalute nasce prima delle criptovalute: datato 2007, è nato per gestire fondi.

Nel 2011 ha introdotto il trading di Bitcoin e successivamente di Ripple.

The Rock Trading si presenta come una piattaforma sicura e facile da usare ma con un grande limite: il numero di criptovalute è decisamente contenuto, una decina.

In più non ha funzioni extra se si esclude il piano di accumulo.

Compensa però con costi di commissione decisamente vantaggiosi.

Puoi scoprire tutto su questo exchange, leggendo la recensione di The Rock Trading.

#2 Young Platform

Come dice il nome, Young Platform è veramente una piattaforma giovane, ma promettente.

Lanciata nel 2018 da un gruppo di giovanissimi, ha raccolto in breve finanziamenti da milioni di euro.

La piattaforma si presenta come semplice da usare, mentre per i più esperti c’è Young Platform Pro.

Per chi vuole guadagnare extra, basta camminare: con Young Platform Step si ricevono token YNG, il token nativo della piattaforma.

Il lato negativo di Young Platform è che… è giovane e pertanto incompleta.

Al momento infatti ha poche crypto a disposizione.

Per saperne di più, puoi consultare la nostra recensione di Young Platform.

Quale exchange scegliere: i fattori per orientarsi

Abbiamo già detto che non esiste un exchange crypto migliore in assoluto perché tutto dipende dall’utilizzo che intendi farne.

Potremmo dirti che per noi il miglior exchange è Binance, ma potrebbe non fare al caso tuo che vuoi pagare con PayPal e Binance non supporta PayPal.

Oppure potremmo consigliarti Crypto.com, ma quando sarai diventato un trader esperto scoprirai che l’app non ti basta più.

Ecco perché nella scelta di una piattaforma di compravendita, una potenziale classifica di exchange crypto è relativa, mentre ci sono una serie di aspetti che dovrai tenere in considerazione.

Vediamone alcuni.

Commissioni

Probabilmente le commissioni sono tra gli aspetti che più possono incidere nella scelta di un exchange di criptovalute.

A nessuno piace vedere i propri investimenti dirottati sulle cosiddette fee.

Un errore da non fare è considerare solo i costi di commissione sulle operazioni di trading. Le piattaforme crypto infatti possono applicare anche altri costi, ad esempio su depositi e prelievi.

Solitamente, i depositi fatti con carte di credito vedono un costo di commissione, così come i prelievi di valuta fiat.

Attenzione alle piattaforme che dichiarano di applicare zero fee: spesso semplicemente le inseriscono nel prezzo di compravendita ma questo costo non è esplicitato.

Ogni exchange che voglia definirsi trasparente, deve indicare chiaramente come e dove applica le fee.

Può farlo in una pagina dedicata, oppure può mostrarti per ogni operazione quanto stai spendendo di commissioni.

Criptovalute supportate

La scelta di un exchange è determinata anche dalla quantità di crypto che offre. Non tutte le crypto infatti sono disponibili su tutte le piattaforme.

Tuttavia sarebbe sbagliato giudicare la bontà di un exchange solo per il numero delle criptovalute che offre.

Coinbase ad esempio fino a poco tempo fa ha avuto un processo di listing molto rigoroso, tanto da quotare solo poche decine di criptovalute.

Una volta listate su Coinbase, le criptovalute subivano un pump di prezzo perché ciò era visto come un riconoscimento alla loro affidabilità.

Gli exchange che listano tutto, solitamente, finiscono per inserire tra le loro coppie di scambio anche criptovalute di dubbia o nessuna utilità.

In ogni caso Binance, considerato l’exchange numero 1 al mondo, offre circa 400 criptovalute, meno di altre piattaforme certamente conosciute ma meno rinomate come MEXC o Gate.io che vantano oltre 1400 token listati.

Metodi di pagamento

Altro fattore chiave per la scelta di un exchange di criptovalute, sono i metodi di pagamento.

Solitamente tutti gli exchange crypto supportano il deposito tramite bonifico bancario.

Al contrario, non tutti consentono di fare deposito tramite carta di credito, ma consentono comunque di utilizzare le carte Visa o Mastercard al momento delle operazioni di acquisto.

Scoprirai invece che sono poche le piattaforme che consentono di acquistare con PayPal.

Alcune come Coinbase consentono solo il prelievo via PayPal ma non direttamente l’acquisto.

Altri exchange si stanno aprendo ad altri metodi di pagamento come ad esempio Skrill, Apple Pay o Google Pay.

Funzioni

Gli exchange di criptovalute si vanno continuamente evolvendo per stare al passo con le novità del settore.

Se nei primi anni era possibile solo comprare e vendere Bitcoin, adesso le piattaforme crypto offrono numerosi servizi che consentono anche di fare guadagni extra.

Molte piattaforme supportano lo staking, per depositare delle criptovalute per un periodo di tempo limitato e ricavarne interessi.

Altre consentono il cosiddetto lending e borrowing, cioè prendere in prestito del denaro utilizzando le criptovalute come collaterale, oppure puoi mettere le tue criptovalute a disposizione di qualcun altro che le prenderà in prestito, mentre tu guadagnerai sugli interessi.

Altre funzioni interessanti sono le mining pool, per prendere parte al mining di criptovalute.

Non fanno guadagnare ma sono ugualmente interessanti e sicuramente utili le sezioni Learn o Academy, dove puoi trovare svariate guide per apprendere il funzionamento di specifiche tematiche.

Licenze

Una piattaforma è affidabile se ha le licenze per operare nel paese in cui ti trovi.

In Italia la regolamentazione crypto è ancora abbastanza lacunosa, tuttavia nel maggio 2022 è stato introdotto il registro per operatori di asset virtuali (VASP), gestito dall’OAM (Organismo Agenti e Mediatori creditizi).

Tutti gli exchange di criptovalute sono obbligati ad iscriversi su questo registro per operare in Italia.

Il registro è pubblico, ti basterà consultarlo per vedere se la piattaforma con cui vuoi investire in crypto è regolarmente iscritta.

In caso contrario sarai in presenza di una piattaforma che opera abusivamente in Italia.

La differenza non è di poco conto: le piattaforme in linea con le leggi, sono anche quelle che garantiscono maggiori protezioni e tutele ai loro iscritti, perché devono rispettare determinati requisiti, senza i quali la licenza non viene concessa.

Team

La trasparenza del team è sinonimo di affidabilità. Una piattaforma che si rispetti, indica nel proprio sito web almeno il CEO e gli altri membri che ricoprono funzioni apicali.

Diffida degli exchange dove non compare il team.

Perché dovresti affidare i tuoi investimenti, o peggio, i tuoi risparmi ad uno sconosciuto?

Assistenza clienti

Altro fattore chiave nella scelta di un exchange di criptovalute, è l’assistenza clienti.

Su questo, purtroppo, molte piattaforme sono lacunose. La maggior parte infatti non prevede contatti telefonici diretti, ed è possibile aprire ticket via mail o, qualche volta, via Twitter.

Alcune, ad esempio Crypto.com, consentono di chattare con un operatore.

A rendere non eccezionale l’assistenza clienti è la crescita verticale del numero di utenti a cui molte piattaforme non sono riuscite a rispondere implementando il proprio team di supporto.

Ricorda però che molti problemi possono essere risolti semplicemente consultando delle guide o le FAQ.

La maggior parte delle piattaforme, prima di consentirti di aprire un ticket, ti obbliga a verificare che il tuo problema possa essere risolto sfogliando gli argomenti disponibili nell’apposita sezione di Aiuto.

App mobile

I trader esperti probabilmente preferiscono operare da desktop, ma per i principianti, va bene anche un cellulare.

La maggior parte degli exchange crypto dispone anche di un’app con cui poter fare quasi tutto quello che si fa da desktop.

Fa eccezione Crypto.com, la cui versione desktop è più adatta ad esperti e professionisti.

Se vuoi capire la bontà di un’app di trading, consulta le recensioni su Google Play o Apple Store prima di scaricarla.

Numero di utenti

Una piattaforma con milioni di utenti è sicuramente più credibile di una con poche centinaia di account.

Diffida delle piattaforme che, anche se possono apparire più convenienti, hanno pochi iscritti.

Academy/Learn

Il trading di criptovalute è un’attività altamente rischiosa per numerosi fattori a partire dalla volatilità e dai rischi informatici.

I migliori exchange crypto che si vogliono prendere cura dei propri utenti inseriscono un’apposita sezione dedicata all’educazione.

Dentro, si possono trovare guide che spiegano cos’è una determinata criptovaluta o un trend.

E qualche volta, imparare conviene: Coinbase remunera i propri utenti se rispondono a delle semplici domande dopo aver guardato dei video tematici, regalandogli la crypto protagonista del quiz.

Sicurezza

Ultimo ma non meno importante, è la sicurezza che ogni exchange crypto dovrebbe garantire ai propri utenti.

Questa passa per i parametri impostati per il login e per la conferma delle transazioni.

Attualmente, per il login, la maggior parte delle piattaforme usano il 2FA, un sistema che prevede che, oltre all’inserimento della password, l’utente confermi la sua identità tramite riconoscimento facciale o impronta digitale via smartphone.

Alcune chiedono invece di inserire un codice di conferma che arriva via mail, sms o Google Authenticator.

Le piattaforme più scrupolose utilizzano gli stessi sistemi anche prima di convalidare le transazioni: serve ad evitare che qualche malintenzionato faccia operazioni al posto tuo, magari dopo aver preso possesso delle tue credenziali con un tentativo riuscito di phishing.

Ma la sicurezza di una piattaforma è relativa anche a quanto questa è in grado di proteggere se stessa e i suoi fondi, che poi sono i fondi degli utenti.

Anche le piattaforme più importanti in passato hanno subito attacchi hacker che hanno comportato perdite ingenti di criptovalute.

È successo nel 2016 a Bitfinex, nel 2019 a Binance, e nel 2022 a Crypto.com.

Ciò che un ottimo exchange crypto deve fare non è solo proteggersi da attacchi esterni, ma garantire che i suoi utenti non siano le vere vittime del furto.

Per esempio, un exchange come Binance ha scelto di destinare parte dei ricavi delle fee al finanziamento di un fondo denominato SAFU (Secure Asset Fund for Users) che ha raggiunto il valore di 1 miliardo di dollari.

In caso di furto, il fondo interviene a coprire le perdite.

Come usare un exchange crypto

Abbiamo detto che uno dei fattori determinati per l’utilizzo di un exchange di criptovalute è la sua usabilità. È venuto il momento di spiegare come funziona un exchange, e come eseguire le più banali operazioni di compravendita di criptovalute.

Nel nostro caso prenderemo come esempio Coinbase, ma il suo funzionamento è comune a tutti gli altri exchange.

Iscrizione

Il primo passo per operare su un exchange di criptovalute è fare l’iscrizione.

Solitamente in homepage c’è un pulsante che si chiama sign up, o nel caso di Coinbase, Inizia da qui.

Iscrizione a Coinbase

Nelle prime schermate vengono richiesti nome, cognome ed email.

Successivamente, ogni exchange obbliga l’utente a completare la procedura KYC.

Questa prevede la verifica dell’identità tramite la piattaforma, per cui dovrai inviare un documento di identità, un selfie, e, se richiesto, anche una prova di residenza (che può essere una bolletta o un estratto conto, dove compaia il tuo indirizzo di casa).

Alcuni exchange in questa fase ti chiederanno di rispondere anche a domande personali: da dove provengono i soldi che investirai, quanto conti di investire in un anno, e altro ancora.

Sono tutte domande che servono all’exchange per “disegnare” il tuo profilo.

Lo fanno in ottemperanza a normative internazionali per il contrasto del riciclaggio di denaro.

Deposito minimo

Quando hai completato la procedura KYC, sei finalmente pronto per operare con l’exchange di criptovalute.

Attenzione: la semplice iscrizione non basta, senza la conferma che la tua identità è stata verificata, il tuo account è praticamente bloccato.

Quando riceverai conferma della verifica della tua identità, puoi procedere con il primo deposito.

La maggior parte degli exchange di criptovalute ti consente di fare depositi con carta di credito/debito, o con conto corrente.

Nel caso della carta di credito, ti basterà inserire gli estremi.

Nel caso del bonifico tramite conto corrente, ti verranno fornite le coordinate bancarie dove fare un versamento.

In questo caso è importante che il nome del titolare del conto corrente coincida con il titolare dell’account sull’exchange.

Metodi pagamento Coinbase
I metodi di pagamento accettati da Coinbase

Piattaforme come Coinbase ti permettono di operare anche senza fare un deposito minimo.

Puoi andare direttamente nella sezione acquista, scegliere la criptovaluta da comprare, e inserire in quel momento gli estremi della tua carta di credito.

Comprare criptovalute

Ci sono vari modi per comprare criptovalute su un exchange.

La maggior parte dei siti ti consente di visualizzare una modalità da principiante, in cui semplicemente ti limiti ad impostare un quantitativo di crypto o un importo da inserire, pagando con il saldo in valuta fiat o via carta di credito o debito.

Comprare crypto su Coinbase

Altre piattaforme, come ad esempio Binance, ti consentono un acquisto semplificato e un acquisto più “professionale”, in cui vedrai l’order book, il grafico a candele con i volumi, le coppie di scambio e molto altro.

Spot trading su Binance

 

Potrai fare l’acquisto impostando la criptovaluta da acquistare e pagando con il saldo in euro, oppure potrai inserire un ordine, cioè indicherai alla piattaforma di effettuare un acquisto o una vendita solo se viene raggiunto un determinato prezzo di mercato.

Vendere criptovalute

La procedura di vendita di criptovalute è analoga a quella di acquisto. In base alla piattaforma scelta farai il percorso inverso.

Vendere crypto su Coinbase

Nel caso di Coinbase, dalla sezione Acquista/Vendi accederai alla stessa finestra già vista per l’acquisto di crypto.

Non dovrai fare altro che scegliere la criptovaluta che vuoi vendere, l’importo o la quantità da vendere e procedere con l’operazione.

Puoi anche scegliere di scambiare la criptovaluta con un’altra.

In alternativa, per vendere una criptovaluta puoi andare nel wallet dell’exchange, selezionare la crypto e verificare la presenza del tasto Vendi.

Prelevare criptovalute/euro

L’ultima operazione fondamentale per operare con un exchange di criptovalute è quella del prelievo.

Per prelevare criptovalute, dovrai andare nel wallet, selezionare la criptovaluta, e solitamente troverai un tasto che è Preleva o Withdraw.

Per proseguire devi inserire l’address del destinatario e confermare l’operazione.

Prelievo su Coinbase

Accertati che l’address inserito sia della rete della criptovaluta che stai inviando, perché in caso contrario, rischi di perdere i fondi.

A seconda della blockchain utilizzata, il trasferimento sarà convalidato nel giro di minuti o di qualche ora.

Per prelevare denaro, dal wallet scegli il tuo saldo in euro e il tasto Preleva o Withdraw. In questo caso indica quanto vuoi prelevare, indica la destinazione e prosegui con l’operazione.

Ricorda che l’accredito potrebbe richiedere un paio di giorni lavorativi.

Conclusioni

Al termine di questo lungo percorso sui migliori exchange crypto, possiamo dire di averti fornito tutte le indicazioni di cui hai bisogno per scegliere lo scambio di criptovalute che fa per te.

Tieni sempre a mente che il miglior exchange crypto è quello che si adatta alle tue esigenze.

Considera gli aspetti che ti abbiamo elencato sopra prima di fare la tua scelta.

Infine, ti ricordiamo che questa è una guida e non un consiglio di investimento. Fai attente analisi e valutazioni prima di investire.

FAQ

Quale exchange scegliere?

Devi scegliere l’exchange che si adatta alle tue esigenze in base alla crypto su cui vuoi investire e il mezzo di pagamento che prediligi. Valuta anche i costi di commissione, la facilità d’uso e la trasparenza del team.

Qual è il miglior sito per comprare criptovalute?

Le più importanti classifiche di ranking di exchange crypto indicano Binance come il miglior exchange al mondo, tuttavia il migliore è quello che si adatta alle tue esigenze.

Quale exchange ha meno commissioni?

Binance è un exchange che vanta costi di commissione bassi. Diffida degli exchange che vantano zero commissioni: spesso applicano altri costi.

Come scegliere un exchange crypto?

Per scegliere un exchange crypto bisogna valutare diversi fattori come numero di criptovalute supportate, mezzi di pagamento accettati, trasparenza del team, costi di commissione addebitati, licenze.

Autore

Giornalista ed appassionata di criptovalute, sono nel settore dal 2018. Credo nelle potenzialità della tecnologia blockchain e delle crypto ma mi tengo a distanza dalle meme coin. Mi definisco un essere estremamente razionale.

Rispondi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *